Telecinesi, la mente sulla materia

telecinesi

Telecinesi, la mente sulla materia

Autori Vari

 

 

Cos'è la Telecinesi
La Telecinesi è essenzialmente l'abilità di muovere un oggetto nel piano fisico, usando soltanto la potenza psichica. Anche se molte persone la ritengono una pratica occulta, vi posso dire che non è affatto così. Naturalmente, posso darvi soltanto un mio punto di vista, ma credo che ognuno di noi nasca con questa abilità.
E' un fattore celebrale, come camminare, parlare, mangiare. L'abbiamo soltanto trascurato da molto tempo.

 

Una teoria comune, riguardo la TK (telecinesi), è che essa agisce in campo energetico (magnetico o elettrico) o attraverso "onde" d'energia psichica, che sono effettivamente abbastanza dense da spingere un oggetto in una determinata direzione.

 

Molte persone hanno avuto modo di conoscere la TK soltanto in maniera accidentale - qualche caduta misteriosa di un oggetto, battiti sulle pareti o su  mobili e porte - un fenomeno spesso confuso con gli spiriti, invece che attribuito ad un potere telecinetico spontaneo e personale.

 

Chiunque può sfruttare la propria energia e usarla con la giusta devozione.

 

 

 

Chi può agire mediante la TK?
Cosa? "Chi può usare la telecinesi?!?" Te lo dirò con un solo termine. TU.

 

 

Una teoria in fatto di Telecinesi
La telecinesi è il pensiero di un "talento" veramente eccezionale, appartenente soltanto ad una  ristretta cerchia di persone. Del tutto contrario, credo che la telecinesi sia qualcosa di cui tutti disponiamo. Semplicemente non la usiamo. Generalmente, infatti, tutti abbiamo abilità psichiche. Lasciate che vi spieghi meglio.

Ogni persona vivente ha un cervello. Ovvio. Affermare il contrario, sarebbe assurdo. Comunque, normalmente non usiamo l'intera capacità celebrale, ma una piccolissima parte per vivere. Inoltre, usiamo ogni parte differente in modi diversi, ognuno in modo dissimile dall'altro. Ci sono persone a cui piace l'arte, altre sono più abili con i numeri e la matematica, la logica, lo sport, la scrittura, la danza, la musica... tutte queste attività usano parti differenti del cervello. Queste possono essere considerate come tutte abilità psichiche. Noi tutti usiamo soltanto una parte del nostro potenziale psichico, molto meno potente di tutto il resto. Alcuni di noi hanno appena l'abilità di "sapere" cosa sta per accadere, o comunque possono predirlo meglio di altri, o addirittura "capire" perfettamente e immediatamente il carattere di chi incontra per la strada. Tutti questi sono usi differenti del potere psichico.

Il cervello, inoltre, ci dà facoltà di esercitare e allenare le parti non usate abbastanza. Un artista può imparare velocemente l'algebra, se mette il naso sulla mola. In modo analogo, si può imparare la telecinesi per mezzo di esercizi per espandere la propria abilità psichica.

L'unica cosa che potrebbe creare una sorta di blocco, è non credere in noi stessi. Come lo scolaro che afferma "Non posso imparare la matematica, è impossibile", la persona che dice "Non posso usare la telecinesi, poiché non è un'abilita che possiedo" si pone automaticamente un blocco mentale -e si sa- il "credo psichico" non è una cosa tanto da sottovalutare. La maggiorparte delle malattie psicosomatiche, sono frutto di stati mentali e blocchi psichici, in questo campo la mente può essere anche pericolosa per noi stessi. Quindi, comincia a credere in te stesso e i risultati verranno da soli.

 

 

Una definizione scettica
Mostro una definizione, presa direttamente dal Dizionario dello scetticismo (Skeptic's Dictionary):

 

La telecinesi è il movimento di un oggetto, in maniera scientificamente inspiegabile, come un esercizio di potenza occulta. La psicocinesi è la produzione di un movimento di un oggetto fisico, per mezzo di un determinato esercizio psichico o di potenza mentale. Uri Geller afferma che può egli stesso piegare posate usando soltanto il suo controllo mentale sugli oggetti esterni. Altri affermano di poter far rotolare penne e matite sul tavolo, soltanto con il loro volere. La varietà delle teorie usate per dimostrare la psicocinesi sono senza fine.

Il mio pensiero a riguardo è: Certamente, ci sono tantissime teorie a riguardo. Ce ne sono anche tante altre per ogni cosa! Ciò non dimostra affatto che un genuino uso della telecinesi sia impossibile.

 

 

Migliorare la tua TK
Ricevo numerose lettere con scritto "Ho provato ad usare la telecinesi, ma non ho ottenuto nulla!". La ragione è sempre la stessa. Una persona crede stupidamente che una settimana sia un "lungo periodo di sperimentazione". Niente di più errato. La telecinesi, come tutte le abilità perse nel tempo, ha bisogno di pazienza, di molta pazienza. Chi è veramente portato per la TK, ottiene i primi risultati in 2 settimane. La restante parte, non ottiene nulla per mesi, addirittura anche anni. Ho creato la seguante lista per aiutare ad indirizzare meglio chi volesse provare ad imparare la telecinesi. PROVATE!

  1. Medita quotidianamente, per almeno mezz'ora, una cinquantina di minuti se sei abbastanza stressato.
  2. Esercita la TK almeno una volta al giorno, meglio se due volte. Prenditi un buon lasso di tempo (30-60 minuti) per farlo.
  3. Usa un metodo alla volta, almeno per una settimana. Se non noti alcun risultato, cambia metodo.
  4. Cerca di essere rilassato e tranquillo; invece di pensare troppo seriamente come se fosse un allenamento, guardalo come un gioco. Se provi troppo duramente, rischierai soltanto di frustrarti senza ottenere nulla.
  5. Non abbandonare mai.
  6. Non dire a te stesso che tanto non ci riuscirai, poiché tu puoi farlo.
  7. CREDICI!!!

 

 

 

Dove Cominciare
Esistono alcuni fattori da tener presenti prima di iniziare con la telecinesi. In questa sezione saranno discussi i maggiori ostacoli da superare e gli esercizi da eseguire.

 

1. Dubbio, Incertezza
LA TELECINESI E' REALE. Le persone che l'hanno fato, lo fanno sempre. E' un dono che ognuno di noi possiede. Convincitene prima di proseguire oltre. Il dubbio è come un muro tra te e la telecinesi. Allora, oltrepassa il muro e lasciatelo dietro le spalle. Non hai bisogno del dubbio nella tua ricerca per la verità, e in special modo quando si parla di poteri della mente.

 

2. Logica
Certo, vivi in un mondo pratico, è più che naturale cercare di ragionare sulle cose. Non preoccupartene. Lascia la praticità al di fuori, e quando praticherai la telecinesi, vedrai quanto è sciocco il concetto di logica tutto assieme. Ma ciò avrà senso solo quando ci arriverai.

3. Purezza del Cuore
Perchè vuoi imparare la telecinesi? Le tue ragioni devono essere positive e i tuoi scopi puri. 

 

4. Meditazione
DEVI MEDITARE. Consideralo come una necessità. Fallo un passo alla volta. La meditazione è la chiave per preparare la mente alla telecinesi.  

 

 

Piegare un cucchiaio

  • Meditate per mezzora.
  • Trovate un cucchiaio o una forchetta.
  • Prendete l'utensile tra le mani.
  • Sedetevi in uno spazio tranquillo, respirate profondamente e rilassatevi. Rifuggite mentalmente tutti i pensieri e i suoni.
  • Ad occhi chiusi, strofinate leggermente la punta delle dita sulla superficie del manico del cucchiaio.
  • Tastate la superficie senza necessariamente pensarvi. Diventate "parte" di essa, gli atomi del metallo mescolati con gli atomi delle vostre dita e con l'aria così che essi fluiscano assieme come fossero acqua. Immaginateli sciogliersi in liquido.
  • Questo potrebbe impiegare più tentativi. Comincerete a sentire realmente l'energia e il calore nel metallo.
  • Nel momento in cui sentite il momentum dell'energia, piegatelo! Non impiegate forza fisica in questo - non state misurando la vostra  capacità di piegare il cucchiaio con le vostre mani. Sapete gà che potete farlo. E' la vostra mente che stiamo misurando.

 

 

Muovere un piccolo oggetto

  • Scegliete un oggetto piccolo e leggero, preferibilmente fatto di un metallo sottile, come un anello di bigiotteria.
  • Cancellate completamente la vostra mente. Non dovrete avere ALCUNA distrazione, e tentate di non introdurre nella vostra mente  erronei pensieri, o perderete il vostro punto focale. La concentrazione è vitale.
  • Costruite un "tunnel" tra voi e l'oggetto, e visualizzatelo. Vedete solamente l'oggetto. Ogni altra cosa è fuori dal tunnel, e perciò fuori dalla vostra vista.
  • Ora, immaginate le mani della vostra mente uscire e spingere l'oggetto. Una volta sentita la spinta, dovreste volere produrre un suono nella vostra testa he suggerisca un forte campo magnetico (nnn... nnn... nnnn). Potrebbe suonare stupido, ma funziona! 

Non aspettatevi che funzioni al primo tentativo. Potrebbe, ma c'è anche la possibiltà che non funzioni. Quindi tentate e ritentate! Se non potete dedicare il vostro tempo e la votra pazienza a questo esercizio, allora non tentatelo proprio.

 

 

La fiamma danzante

  • Meditate per mezz'ora.
  • Accendete una candela in un posto sicuro. E' preferibile  una candela bianca su di un tavolo bianco o di un colore chiaro.
  • Mettetevi comodi e respirate profondamente.
  • Mettetevi di fronte alla fiamma della candela. non pensate a nulla, liberate la mente ma mantenete la fiamma di fronte a voi. Presto dovreste vedere solo la fiamma. non il tavolo, la candela, la stanza e gli oggetti attorno a voi, ma solo la fiamma.
  • Ora immaginate che la fiamma si distenda verso l'alto, diventi più alta, più luminosa. Potete mettere la mano sopra di essa e immaginare che siate voi a farla crescere. immaginate che la fiamma si rimpicciolisca, che diventi più piccola e corta. immaginate che ondeggi e danzi. immaginate che si pieghi. Fate questo esercizio finchè non vi sentite tuttuno con la fiamma, e finchè essa non farà ciò che voi desiderate essa faccia.

Facendo questo esercizio piu volte, una volta che sarete capaci con la vostra abilità di fare ciò, provate a spegnere la candela con la vostra mente. Sareste in grado di riaccenderla? Hmmm... tutto è possibile!

 

 

Ruota Psico-Cinetica

  • Prendete una puntina da disegno (del tipo con la testa piatta e circolare) e mettetela con la punta rivolta verso l'altro. Ora prendete un piccolo pezzo quadrato di carta, di circa 3x3cm (forse anche piu' piccolo), e con pazienza bilanciatelo appoggiando il suo centro sull'ago della puntina. Invece della carta, si può usare un pezzetto di alluminio (o carta argentata da cucina), se ci si sente piu' in linea con le energie metalliche.
  • Meditate per mezz'ora.
  • Ora, sedetevi di fronte alla vostra "ruota psico-cinetica". Concentratevi fissando un angolo del quadratino di carta. Focalizzate tutta la vostra energia in quello spigolo, volendo far cominciare a girare facendo perno nell'angolo suddetto. Immaginate la ruota (quadratino di carta) che inizia a ruotare. Concentratevi piu' che potete, finché il movimento non comincia a verificarsi.

Una volta che siete riusciti in questo esercizio, provate ad affondare la carta nella puntina!

 

 

Il Legno Galleggiante

  • Meditate per mezz'ora.
  • Riempite di acqua fresca una boccia di vetro trasparente. nel mezzo della boccia immergete uno stuzzicadenti o un altro piccolo oggetto in legno. fino a che non ci sarà attrito tra l'acqua e l'oggetto, sarà facile muoverlo poichè ci sarà meno resistenza.
  • Mettetevi comodi e respirate profondamente.
  • Guardate lo stuzzicadenti. immaginate la "mano" della vostra mente uscire e spingere l'oggetto, e immaginate che scivoli attraverso l'acqua fino all'altra parte della boccia. sentite l'energia spingerlo. dopo un po' dovreste cominciare a notare qualche movimento. potete usare le vostre mani per dirigere la vostra energia, ma non toccate o soffiate sullo stuzzicadenti.
  • Una volta che vi sarete impratichiti con questo esercizio e che penserete di avere controllo su di esso, spingetevi un passo più in là. immaginate di spingere l'oggetto verso il basso , forzandolo ad andare sotto la superficie dell'acqua. Questo richiederà più concentrazione, ma i risultati sarannò altrettanto importanti.

 

 

Oscillazione di un filo

  • Meditate per mezz'ora.
  • Tagliate un filo lungo circa 25 cm. Legate ad esso un oggetto simile a un ago o uno stuzzicadenti, oppure un bastoncino corto di legno. Tenete il filo in modo da poter stare seduti comodi di fronte all'oggetto.
  • Sedete sufficentemente lontani dall'oggetto così da non farlo oscillare col vostro respiro. Fate sì che l'oggetto sia completamente fermo, senza che si muova a mezz'aria.
  • Respirate profondamente.
  • Focalizzate tutta la vostra attenzione su un solo lato dell'oggetto, non importa se quello destro o sinistro. Immaginate che l'oggetto si muova,come se davvero venisse spinto da quel lato dalla vostra mente. Potete usare le dita per "puntare" la vostra energia, ma non toccate l'oggetto.
  • Una volta che comincia a muoversi, chissà quanto impiegherete per andare avanti, immaginate che la vostra energia lo spinga più forte, così che esso prenda velocità. dovrebbe ruotare con maggiore impulso.

Esercitatevi. Una volta che ne avrete preso possesso, utilizzate lo stesso metodo per fare oscillare il filo anzichè solo ruotare. 
Buona fortuna!

 

 

Da Koda sulla Telecinesi
Il documento che segue è circolato abbastanza largamente per Internet ed è fondamentalmente un punto di riferimento per chiunque parli di Telecinesi sul Web. Non so perchè, ma è così. Grazie, Koda! questa tecnica è ambiziosa, ma dà alcuni buoni spunti.

Molte persone che hanno letto della Tecnica Psichica della Finestra mi hanno chiesto informazioni sulla telecinesi (il muovere oggetti con la mente). Dal momento in cui ho esperienza nel settore, penso di potervi dire ciò che so.

La cosa più importante da capire è che ciò è possibile. La telecinesi è una parte della realtà fisica, come la telepatia. Il secondo punto più importante relativo per raggiungere dei traguardi in ciò, o in qualsiasi altra ttività, è realizzare se qualsiasi persona è in grado di farlo, qualsiasi persona lo può, e ciò significa anche voi.

C'è un prerequisito per ottenere dei risultati in questo tentativo, cioè avere l'abilità di rilassarsi completamente e focalizzare la propria attenzione senza distrarsi. Di per se stessa, la concentrazione è una delle attività più facili che uno può mettere in atto. Consiste semplicemente nel dedicarsi a una cosa senza distrazioni, e accade in intensi gradi come quando si sta guardando uan scena emozionante di un film, per esempio. Nella pratica attuale, può essere quasi impossibile mantenere la concentrazione per una qualsiasi quantità di tempo dovuto alla concezione del subconscio del vivere giorno per giorno. Se state per praticare le tecniche descritte più avanti, può esservi di aiuto praticare degli esercizi di rilassamento prima di cominciare. Dopo che avrete avuto successo più volte, la messa a fuoco necessaria a ciò potrà essere raggiunta abbastanza facilmente.

Io penso alla Telecinesi come alla manipolazione di una sorta di "campo magnetico" umano attorno al corpo, che può concentrarsi in un'area specifica. (Probabilmente è possibila persino muovere oggetti a grande distanza, ma di questo non ho esperienza) Concentrando questa energia simil-magnetica nelle dita della mano, sono stato in grado di causare ad un cucchiaio posto in equilibrio sul bordo di un bicchiere di vetro, un movimento tale da farlo cadere dal bicchiere. L'ho fatto dieci volte al giorno solo per tenermi in esercizio, per un periodo di due mesi circa dieci anni fa (e causando molte risate versando l'acqua nei ristoranti durante il procedimento). Da allora sono stato troppo occupato nella vita giorno per giorno per focalizzare in modo appropriato la mia attenzione, ed è stato difficile trovare la giusta combinazione di bilanciamento bicchiere-cucchiaio, così più o meno smisi di praticare una tale "inutile" novità. in seguito il mio interesse è cresciuto di nuovo così ho tentato di ricercare un oggetto adatto per riesumare la mia pratica, ma tutto ciò di cui avete bisogno di sapere è che ciò può essere fatto, e che anche le persone normali come voi possono.

Usare l'analogia del magnetismo è un buon modo per focalizzare l'attenzione. Avete bisogno di immaginare un simil-campo magnetico attorno alle vostre mani (o la punta delle vostre dita), e spingerle nel "camp magnetico" dell'oggetto che volete muovere. (un tale campo avvolge ogni oggetto sulla terra). Quando uno dei campi interagisce con l'altro, si potrà sia spingere che tirare l'altro, dipendentemente dalle due polarità. Campi opposti si attraggono, simili si respingono. Concentrandomi sul pensiero che il campo attorno alle mie mani sia molto forte, posso momentaneamente mettere la punta delle mie dita vicino al termine del manico del cucchiaio, e immaginarlo mentre preme contro il campo magnetico del cucchiaio, causando il movimento del manico dell'oggetto. Potrei allontanare la punta delle mie dita di lato perchè il manico del cucchiaio ritorni alla posizione di partenza, e poi ripetere il procedimento muovendo la punta delle dita di nuovo sul manico del cucchiaio. Questo movimento ripetitivo delle mie dita dal lato al manico del cucchiaio, causa lentamente il muoversi dell'oggetto sempre di più, fino a che esso non cade dal bicchiere.

Dovete fare attenzione a non muovere su e giù le vostre mani, almeno all'inizio, poichè il "vento" generato dal movimento delle vostre mani può provocare il movimento del cucchiaio. Dovrete in oltre fare attenzione nel notare delle "brezze" nella stanza dai termosifoni oppure l'aria condizionata, sicchè le vostre mani potrebbero far aleggiare su e giù queste correnti e far muovere il cucchiaio a tempo. Se appoggiate i vostri gomiti su un tavolo durante l'esercizio, siate sicuri che il tavolo sia ben posizionato o potreste causare un movimento ritmico di esso, provocando quindi anche il movimento del cucchiaio.

La primissima volta che lo tentai, impiegai cinque ore di ininterrotti tentativi prima di essere sicuro di starlo facendo davvero io, senza che nessuna di queste variabili ne fosse la causa. Penso di aver avuto successo già dopo due ore, ma continuai l'esercizio per essere assolutamente certo di aver sviluppato realmente questa capacità. Voi potreste non impiegarci così tanto poichè io non avevo prove al tempo che ciò fosse davvero possibile, e nessuna tecnica su cui lavorare i cui risultati non fossero già stati sperimentati. Dopo questa prima volta, potei mettere in atto l'esercizio in meno di cinque minuti, e in seguito lo feci in ancora minor tempo, facendo cadere il cucchiaio in meno di un minuto.

Il COSA dovete fare non è ovviamente tanto importante quanto nel momento in cui lo state facendo. I fenomeni psichici avvengono ad un livello non verbale di consapevolezza. I vostri pensieri consci non servono ad altro se non a focalizzare la vostra attenzione. Essi non compiono nessuno dei "lavori" coinvolti. Immaginando la punta delle mie dita buttare fuori "un forte campo magnetico" dovrei mentalmente pensare "uuunnnnnn, uuuuuunnnnnnnn" ogni volta che posiziono le mie dita sul manico del cucchiaio. Ma dopo ciò non punto la mia attenzione sulle "parole" che stavo "pensando". Recentemente ho tentato di far uscire dalla parola "campo magnetico" una sua intensità. Mentre lo fate, proprio lo "uuuunnnnnn" va via e al suo posto potete sentire il campo magnetico nella punta delle vostre dita. Se la vostra attenzione è sui pensieri, non sarete in grado di mantenere dei risultati costanti. I vostri pensieri dirigono il vostro intento al subconscio, il quale poi fa ciò che vi ASPETTATE REALMENTE che faccia. Per quanto ne so è una verità per tutti i tipi di fenomeni psichici. Non è ciò che pensate, ma cosa vi aspettate. Una volta che avrete ottenuto la sicurezza di avere la capacità di farlo, è molto più facile ottenere i risultati che vi prefiggete, e un minor sforzo è necessario per ottenere tali risultati.

C'è un altro esercizio preliminare che potete fare in principio per aiutarvi a focalizzare l'attenzione. Se unite le mani palmo a palmo (come se pregaste) ma lasciano uno spazio così sottile da sembrare quasi che esse si tocchino, ma senza che lo facciano, potrete sentire il calore emesso da entrambe le mani. E' una sensazione molto tenue ma potrete realmente sentirla. Se poi immaginate che ciò che sentite è il campo magnetico emanato da ciascuna mano, avvicinandole un po' potrete sentire i campi spingere l'uno contro l'altro. Quando riavvicinate le mani, potrete sentire i campi che si separano.

Io credo che questi campi esistano davvero, e che il subconscio ne è consapevole. Concentrando la vostra attenzione sulla vostra percezione, credo che stiate semplicemente sintonizzando la consepevolezza del vostro subconscio. Ciò non è poi così inusuale, siccome anche ora il vostro subconscio è consapevole dell'aria che buttate dentro o fuori, e se state inclinati in avanti o su un lato e così via. Nel momento in cui ci pensate, diventate consci della consapevolezza del vostro subconscio che è stata sempre appena sotto la superficie. Sto semplicemente facendo notare che il fenomeno psichico è un processo del subconscio di cui tutti facciamo costantemente esperienza. Dobbiamo solo scoprire cosa cercare, e tale consapevolezza diverrà istantaneamente rintracciabile.

 

Fonte http://sitomistero.altervista.org/Misteri/MISTERI/Telecinesi/Telecinesi/telecinesi.htm

Scrivi commento

Commenti: 0